Territori

Nord

Sono la catena montuosa delle Alpi insieme alla pianura Padano-Veneta a far da sfondo alle coltivazioni nel nord dello stivale. Il clima è quello tipico continentale, freddo nelle valli e umido in pianura. Cereali, come il grano tenero (ma anche riso, orzo, avena e segale), uva e alberi da frutto la fanno da padrone.

Ma questa regione presenta anche sorprese, un esempio su tutti la zona del lago di Garda, con una vegetazione tipica del clima mediterraneo tra cui primeggia l'ulivo, che si adatta meravigliosamente al microclima creato dal bacino fluviale, che rende l'inverno particolarmente mite.

Centro

Il paesaggio del centro Italia ci regala dolci colline punteggiate di abbazie, castelli e piccoli borghi, che costeggiano i fianchi dell'Appennino fino alla costa, bagnata a est dal Mar Adriatico e a ovest dal Mar Tirreno.

Nelle aree appenniniche, che comprendono sia la montagna sia gli altipiani e le colline, il clima è di tipo continentale, con inverni freddi ed estati calde. Nelle zone più temperate si coltivano cereali e ortaggi, insieme alla vite, all’ulivo e agli alberi da frutto.

Sud

Scendendo lungo la penisola, a parità di altitudine, il clima si fa via via più mite e progressivamente più secco, fino a diventare mediterraneo lungo la fascia costiera, temperato nell'immediato entroterra e continentale nella fascia appenninica. Gli inverni sono generalmente tiepidi e piovosi, mentre le estati calde e secche.

Gli alberi tipici del clima mediterraneo, coltivati e diffusi fin dall’antichità, sono il risultato di una millenaria e paziente selezione. Per primo ricordiamo l’ulivo, mentre i pendii più soleggiati sono il regno della vite. Sono molto diffusi anche gli alberi da frutto tipici delle estati mediterranee come ciliegie, pesche e albicocche. Molto diffusa anche la coltivazione del grano duro, la cui semola risulta ottima sia per la panificazione che soprattutto per la produzione di pasta.

Isole

Sulle due isole maggiori, la Sicilia e la Saregna, il clima è tipicamente mediterraneo con brevi inverni miti e lunghe estati calde e molto secche. Nel paesaggio mediterraneo la vegetazione, anche a causa della scarsità di precipitazioni, si limita alla macchia mediterranea: arbusti bassi e odorosi e alberi ad alto fusto come il pino marittimo.

Fra le coltivazioni spiccano ulivi, viti, mandorli, fichi e agrumi, tutti alberi in grado di sopportare lunghi periodi di siccità. Gli agrumi vennero introdotti per la prima volta in Sicilia dagli arabi come pianta ornamentale.

Consorzio terrEbio

Via dell'Isarco, 3
39100 Bolzano - ITALY

info@terrebioitalia.it

P.IVA (IT)02993120217